Süper Lig, la situazione dopo 2 giornate di campionato

Torna la Süper Lig, e mentre in Turchia si parla tanto della volubilità della valuta nazionale e mentre la festa del Bayram porta molte persone in spiaggia, facciamo il punto di cosa sta succedendo sul campo.

Come da programma, molti pronostici sono già saltati. Erano previste due giornate tranquille per le cosiddette “grandi” e il Fenerbahçe ha già perso 3 punti per strada a Malatya. Trasferta insidiosa, esattamente come lo era Erzurum per il Beşiktaş, sotto dopo un tempo e nettamente in apnea come nella trasferta europea di Linz giovedì scorso. Dalla mentalità “lavori in corso” al panico totale c’è ormai poca distanza, dalle parti delle Aquile, che ora con il Partizan in Europa League rischiano tanto. Soprattutto se Negredo, decisivo a Erzurum con un tacco di pura classe, dovesse partire per i lidi del Golfo. Dove già s’è accasato Giuliano, stanco della lira turca e dell’Europa League (inevitabile post Benfica) e più tranquillo con i petrodollari. Un ragionamento che sta valutando anche Bafétimbi Gomis, pagato in euro ma ben più tentato dall’enorme aumento che il Golfo gli offrirebbe. Non giocherebbe la Champions, ma questo poco sembra importare a volte. In tutto questo il Gala regola il Göztepe tra le mura amiche con un 1-0 firmato Onyekuru: ben venga il ragazzo, ben venga. Uno dei gol più belli visti all’Arena negli ultimi tempi.

Si riprende anche il Trabzonspor, tramortito dall’IBFK alla prima e ben più convincente contro il Sivas in casa. Vince il suo primo match stagionale anche l’Ankaragücü, nuova casa di Alessio Cerci che raggiunge Napoleoni e Petrucci nella massima serie turca. Tutto da vedere se saprà imporsi, come hanno fatto altri suoi colleghi. Merita una menzione speciale lo Yeni Malatyaspor, solo accennato in apertura di questo pezzo. Non ha solo steso il Fener, s’è anche preso il primo posto insieme alle “grandi”. Che, almeno dopo due giornate, va ancora scritto tra le virgolette. Perché lì, a giocarsela, ci sono anche loro, i gialloneri (o giallorossi, c’è una vera e propria battaglia su questo tema in città) di una delle zone meno ricche dell’Anatolia. Come il Bursa del 2009-2010 ci insegna, tutto è possibile. Credere almeno nell’Europa, e qui anche l’esempio recente di Konya viene in aiuto, è possibile.

RISULTATI

Trabzonspor-Sivasspor 3-1 (7’ Sahan, 14’ r. e 27’ Rodallega, 45’ Douglas)

Bursaspor-Kayserispor 0-0

Yeni Malatyaspor-Fenerbahçe 1-0 (71’ Aleksic)

Antalyaspor-Konyaspor 3-3 (8’ Angelo, 39’ Sahiner, 45’ Fofana, 53’ Sahiner, 67’ Maicon, 75’ Angelo)

Akhisar-Rizespor 1-1 (28’ Muriqi, 66’ Yumlu)

Erzurumspor-BJK 1-3 (16’ Scuk, 53’ Gonul, 76’ Negredo, 86’ r. Quaresma)

Alanyaspor-Ankaragücü 0-2 (65’ Parlak, 89’ Pinto)

Galatasaray-Göztepe 1-0 (44’ Onyekuru)

K.pasa-IBFK (in corso)

CLASSIFICA

BJK, Galatasaray, Y.Malatyaspor 6

Kayseri, IBFK*, Konya, K.pasa* 4

Ankaragücü, Trabzonspor, Fenerbahçe, Sivasspor 3

Rizespor, Akhisar, Bursaspor, Antalyaspor 1

Erzurumspor, G.tepe, Alanyaspor 0

Lascia un commento