Europa League, inizio disastroso per il Galatasaray: 2-0 in Svezia

Netto KO per un Galatasaray ai limiti dell’imbarazzo. I ragazzi di Igor Tudor scendono in campo con pochi minuti nelle gambe e soffrono contro i modesti svedesi dell’Östersunds.

Si è scritta la storia, almeno il calcio guadagna una nuova protagonista. Chissà se l’Östersunds vivrà altre notti come questa, ma stasera in Svezia c’è un paese in festa. Perché il primo appuntamento europeo dei rossoneri ha visto il Galatasaray crollare a Östersund, senza nemmeno troppi sforzi. La vittoria è arrivata da sé, con una forma fisica deficitaria da parte turca, oltre a una preoccupante mancanza di idee di gioco. Settimana prossima alla Türk Telekom Arena il percorso europeo del Gala può già finire anzitempo: serve almeno un 2-0 per i supplementari, anche se il risultato richiesto e voluto dai tifosi è una goleada per cancellare l’onta di una sconfitta prevista da pochi bookmakers.

Il crollo in Svezia è sintomo di una grande crisi nel mondo cimbom, con Wesley Sneijder messo alla porta da Tudor e poi fortemente convinto dai supporter giallorossi a tornare. La squadra, nel frattempo, non ingrana. Non c’è ritmo né gioco in campo, e diversi giocatori sono sembrati rassegnati fin dai primi minuti, contro un avversario comunque inferiore. Le due reti, arrivate al 68′ e al 92′, non hanno fatto altro che regalare una splendida notte di Europa League all’Östersunds. Il Galatasaray settimana prossima può far sì che sia l’ultima, ma servirà una prestazione ben diversa.

Lascia un commento