Fair Play Finanziario UEFA: gli accordi firmati da Trabzonspor e Fenerbahçe

L’UEFA ha deciso: mano più leggera del solito, a dire il vero, nei confronti di Trabzonspor e Fenerbahçe. Con Galatasaray e Bursaspor fuori dalle coppe, ci si aspettava una simile decisione anche per il Trabzonspor, club che non ha rispettato il settlement agreement stretto con la Federazione europea due anni fa.

Eppure l’UEFA ha scelto di scendere ancora a patti con il Trabzonspor, graziato da un nuovo accordo che dovrà rispettare nei prossimi anni. Ecco il contenuto del patto firmato da club e UEFA:

– L’accordo copre le stagioni 2016/17, 2017/18 e 2018/19.
– il rispetto del break-even entro il periodo di controllo 2018/19 (ovvero 2016, 2017 e 2018).
– il deficit break-even sarà al massimo di €20m per l’anno di bilancio che si concluderà nel 2017.
– abbassare il costo del personale nell’esercizio di bilancio che si concluderà nel 2017.
– limite nel numero di giocatori nella lista A delle competizioni UEFA. Per la stagione 2016/17 (a cui il club non si è qualificato, ndr), un massimo di 22. Per la stagione 2017/18 un massimo di 23 giocatori. Questa restrizione verrà annullata dal 2018/19 se il club rispetta le misure finanziare accordate con il CFCB UEFA.
– limite nel numero di nuovi giocatori registrati nella lista A UEFA. Questo calcolo si basa sul bilancio dei trasferimenti in ogni periodo monitorato dall’accoro. Anche questa restrizione verrà annullata dadl 2018/19, come sopra.
– Il Trabzonspor paga €2m di multa. Di questa somma, €1m verrà pagato completamente, indipendentemente da un’eventuale uscita anticipata dal regime di settlement agreement. Il pagamento dell’altro milione è condizionale e potrebbe essere ritirato da eventuali incassi nelle prossime competizioni UEFA in alcune circostanze che dipendono dal rispetto da parte del club delle misure finanziarie concordate.

Era sotto osservazione anche il Fenerbahçe, che ha stretto un settlement agreement simile al club azzurro-granata. Il Fener però si è qualificato per la Champions League (play-off estivi), dunque l’accordo verrà immediatamente applicato.

Ecco il contenuto del comunicato dell’UEFA CFCB.

– L’accordo copre le stagioni 2016/17, 2017/18, 2018/19 e 2019/20.
– raggiungimento del break-even entro il 2019/20 (sotto osservazione 2017, 2018 e 2019).
– il massimo deficit nel break-even è di €30m per l’anno finanziario che si concluderà nel 2016, €20m per l’anno che si concluderà nel 2017 e €10m per l’anno finanziario che si concluderà nel 2018.
– riduzione del costo del personale, limitare l’ammortizzazione e i costi nell’acquisto e nella registrazione di giocatori negli anni finanziari che si concluderanno rispettivamente nel 2017 e nel 2018.
– limite nel numero di giocatori da includere in lista A. Nel 2016/17, un massimo di 22 players nella lista A, 23 invece nel 2017/18. Le restrizioni verranno annullate per le stagioni 2018/19 e 2019/20 se il club rispetta i parametri concordati.
– limite calcolato nei nuovi giocatori registrati nella lista A. Questo calcolo si basa sul bilancio nei trasferimenti nel periodo di settlement agreement. La restrizione verrà annullata per le stagioni 2018/19 e 2019/20 come sopra.
– multa di €7.5m, ritirata dai futuri incassi UEFA a partire dal 2015/16. Di questa somma, €2m verranno pagati completamente, indipendentemente da un’uscita anticipata dal regime di settlement agreement. Il pagamento del resto della somma potrebbe essere ritirato secondo certe condizioni che dipendono dal rispetto da parte del club di misure finanziarie concordate.

Bruno Bottaro

Bruno Bottaro

Classe 1993, da Ponte San Pietro (Bergamo). Fondatore di CalcioTurco.com, il primo sito italiano sul calcio in Turchia. Autore per MondoFutbol.com.
Bruno Bottaro

Lascia un commento